lunedì 15 marzo 2010

Valore della moneta (e bufale)

Tratto da http://eugenioermes.blogspot.com/2009/03/la-bufala-del-signoraggio.html
Alcune bufale che circolano




Il valore intrinseco della moneta è dato dai costi sostenuti per stamparla.


Secondo i "teorici" del signoraggio, quando la Banca Centrale stampa nuova moneta, compie un furto, un raggiro, perché scrive sulla banconota (quello essi che chiamano "valore nominale" o "di facciata") una cifra che non corrisponde al costo della stampa.
Per cui ad esempio una banconota da 100 Euro che è costata per la sua stampa 30 centesimi, avrebbe come valore intrinseco, appunto 30 centesimi, quindi la Banca centrale ruberebbe 99,70 Euro, dal momento che la fa circolare "come se" valesse 100 Euro. Insomma, posto che stampare una banconota costi mediamente 30 centesimi, si potrebbero stampare solo banconote del valore di 30 centesimi! che tra l'altro andrebbero a finire tutte nelle mani di chi le ha stampate (la zecca o la banca centrale).

Ma se fosse così, non sarebbe semplicemente possibile stampare nuova moneta. Allora che facciamo, torniamo al baratto?


I soldi vengono stampati dal nulla.


I sostenitori della "teoria" del signoraggio sostengono che i soldi vengono stampati dal nulla, dal momento che non rappresentano la contropartita di nulla, essendo stampati senza portare nulla a garanzia, a differenza di come è accaduto fino al 1971, quando veniva portato come garanzia l'oro.
Questa tesi, che in realtà smentisce la tesi precedente, e la tesi correlata secondo la quale da 300 anni sarebbe in atto una colossale truffa da parte delle banche ai danni dei cittadini (perché se fosse sufficiente la copertura dell'oro a garanzia, dovremmo concludere che fino al 1971 andava tutto bene!), si basa sull'idea che l'oro possa rappresentare una forma di valore "intrinseco".
In realtà l'uso dell'oro ha rappresentato soltanto una convenzione, e il sistema aureo ha avuto i suoi pregi, ma si è rivelato presto inadeguato in un'economia di mercato avanzata.
Ad esempio, la crescita dell'economia, con l'aumento delle merci prodotte, comporta seri rischi di deflazione, e dunque di un successivo ristagno economico, a meno che non si provveda a fornire nuovo oro dalle miniere, il che dimostra ulteriormente i limiti del sistema, troppo legato alla scoperta delle miniere, alla capacità di estrazione dell'oro e alla sua giusta collocazione (se vi è scarsità di oro, sarà impossibile stare al passo con i tempi e si produrrà deflazione, mentre se si produce troppo oro, si produrrà inflazione).

Altrimenti, se questo sistema fosse perfetto, perché è stato abbandonato?

Va detto inoltre che il sistema adottato da allora, e in vigore a tutt'oggi, non è un sistema di pura anarchia, perché anche oggi esiste una contropartita all'emissione di moneta, rappresentata dall'acquisto di titoli.

La Banca Centrale infatti stampa nuova moneta per soddisfare le esigenze di liquidità, dunque risponde ad una richiesta del mercato (e non a propri fantomatici interessi...), e la quantità che stampa è legata a queste esigenze.

Se venisse stampata troppa moneta, si creerebbe un'enorme inflazione, che farebbe perdere valore a questa moneta prodotta in eccesso. Da ciò si vede che è falsa la tesi che la moneta che circola attualmente "non vale niente". Se fosse così non si capirebbe come mai il sistema va avanti in questo modo, e con il denaro ci si possono fare acquisti, come comprare case, fare acquisti al supermercato ecc.

Questo accade perché i soldi, ben lungi dall'essere cartastraccia creata dal nulla, sono il controvalore della ricchezza prodotta dalla società.

Se la società non producesse nulla e sul mercato non ci fosse nulla, allora veramente i soldi non varrebbero nulla. Se si stampano più soldi di quanto giustifichi la ricchezza presente nella società, allora il denaro si svaluterà e si produrrà inflazione. Se sul mercato ci sono 100 polli, e circola moneta del valore totale di 100 Euro, mediamente ogni pollo varrà un Euro. Se si stampano altri 100 Euro, senza aumentare però il valore totale del mercato (cioè aggiungendo nuovi polli, o mucche, maiali ecc.), ecco che il denaro si svaluterà, e ogni pollo aumenterà di prezzo e ora varrà mediamente 2 Euro.

O come accadde agli Spagnoli nel '600, che si illusero di arricchirsi importando enormi quantità di oro dall'America, e in tal modo produssero un'enorme inflazione e un blocco dell'economia (a proposito dell'oro che dovrebbe essere la panacea di tutti i mali...). Se questo normalmente non succede, vuol dire che non è vero che "i soldi si stampano dal nulla" o che "non valgono nulla".

36 commenti:

  1. il discorso non fa una piega, non hai detto però una cosa molto importante, che tutte le banconote in europa sono stampate e gestite da una SPA che è la BCE (banca centrale europea) che ha "filiali" nelle varie nazione europee (es. banca centrale italiana), e queste, come hai giustamente detto, acquistano il debito dello stato stampando e prestandogli nuova moneta,

    es. se ad uno stato gli servono 100000€ emette un titolo di stato vendondolo alle banche, le quali stampano moneta per 100000€ mettendole a disposizione dello stato.

    ATTENZIONE !!!! lo stato con questa operazione ha automaticamente aggiunto un debito pari 100000€ più gli interessi (10% se non sbaglio) quindi 110000€ che dovrà restituire alla banca.

    C'è qualcosa che non va o sbaglio ???

    Avete notato qualcosa di strano ???

    Non torna qualche conto ???


    E' questa la falla!!!, praticamente tutto il denaro che viene stampato dalla "BCE & co" e prestato agli stati per esigenza degli stessi, dovra essere riconsegnato tutto alle banche, quindi tutto il denaro circolante in europa, e sottolineo TUTTO, dovrà essere restituito alla BCE accompagnato dagli interessi che non hanno mai stampato!!!

    svegliatevi !!!!!

    QUESTA E' SCHIAVITU' MODERNA!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti manca qualche informazione importante però:
      1) la BCE gira gli utili agli Stati stessi, interamente. Non è una società privata.
      2) la BCE è gestita dai governatori delle banche centrali NAZIONALI, a loro volta nominati dai capi di Stato dei relativi paesi
      3) lo Stato si indebita NON quando la BCE compra (se li compra) i titoli ma quando li emette. E perché li emette? per pagare le spese statali quando le entrate fiscali non sono sufficienti
      4) Gli interessi di cui parli sono interamente girati agli Stati, vedi articolo di questo blog "a chi vanno gli utili della BCE"
      5) La BCE è un organo dell'Unione Europea, con Statuto fissato dagli Stati aderenti. Non una società a fini di lucro. Vedi articolo sulla BCE
      Quindi SVEGLIATI e non leggere dai siti fogna ma attingi da fonti attendibili, eviterai di dire queste sciocchezze. Sei schiavo si, ma solo della tua ignoranza e creduloneria.

      Elimina
  2. gli utili della bce non vanno allo stato attento vanno alle banche che stanno sotto alle bce, che sono pubblichè non perchè dello stato, ma perchè la partecipazione al capitale sociale è pubblico!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche questa volta ti sbagli. Bankitalia è pubblica e gira TUTTI gli utili che le provengono dalla BCE allo Stato.
      Leggi questo articolo dove ti spiega per filo e per segno, con bilanci e statuti alla mano, e riferimenti ufficiali, tutto quanto.
      Ai privati va solo lo 0.5% delle riserve PRESO DAI FRUTTI delle riserve stesse. Il reddito da signoraggio va invece tutto allo Stato.
      Gli azionisti della BCE, come ti ho già spiegato (ti ho linkato degli articoli che ne parlano) sono le BANCHE CENTRALI NAZIONALI, non le banche private. Insomma informati MEGLIO.

      Elimina
  3. hai mai sentito parlare di Auriti, visto che navighi nella tua cultura e dato che io sono un ignorante???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo un fascista ignorante in materia, e faresti meglio a diffidare di chi te lo nomina, perché sono tutti un branco di saltimbanchi e pagliacci.

      Elimina
    2. Ma invece di leggere quella robaccia fascista, perché non leggi gli articoli che ti hai linkato e capisci davvero di cosa parli? Io nelle mie note cito sempre le fonti, sempre ATTENDIBILI. Non robaccia da siti fogna neonazisti.

      Elimina
  4. no basta andare sul sito di bankitalia per capire che non è pubblica, la partecipazione alle azioni è pubblica.

    ma la bankitalia di per se è un ente privato.

    comunque la BCE manda solo 1/3 degli interessi allo stato che sarebbero delle tasse, ci mancherebbe che non paga neanche quelle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai nemmeno leggere allora. Bankitalia NON ha azioni ma partecipanti, perché NON è una SPA. Non è un ente privato, ti ripeto, leggi QUESTO articolo e capirai.
      E la BCE distribuisce tutti gli utili che non mette a riserva ALLE BCN che a loro volta li girano agli Stati membri.
      Non continuare a dire sciocchezze. Quando dici che bankitalia è privata dici fesserie. Hai mai letto lo Statuto - STATUTO - di bankitalia? Sai chi è il governatore? Sai cos'è il DIRETTORIO? Sai chi elegge il governatore? Sai cos'è il consiglio superiore?
      Sai qual è lo schema di distribuzione degli utili?
      Ovviamente NON SAI NULLA. Hai solo letto l'elenco dei PARTECIPANTI (non sono azionisti), anzi te l'hanno fatto leggere, e non ti hanno spiegato NULLA. Allora STUDIA MEGLIO, che NON SAI NULLA.

      Elimina
  5. il 95% delle azioni di bankitalia sono di banche private tipo unicredit, assicurazioni.... solo il 5% è statale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora sei di coccio? Bankitalia NON HA AZIONI. Ha solo partecipanti, che NON decidono nulla e che NON percepiscono gli utili da signoraggio. Ti ho già linkato un articolo in cui ti viene dimostrato, con tanto di Statuti e bilanci. Non continuare a dire sciocchezze senza prima leggerlo e studiare la materia.

      Elimina
  6. innanzitutto pesa le parole, e che significa che parteipano per il 95% le banche private come unicredit???
    insomma Grillo, Auriti e tanti altri economisti che sostengono questa tesi sono analfabeti secondo te e le tue FONTI mandate dal cielo solo per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grillo, Auriti: parli di un comico ed un fascista ignoranti in materia, tutti e due simpatizzanti con i nazifascisti. Sono ANALFABETI.
      Io mi baso sulle LEGGI DELLO STATO e BILANCI DI ENTI PUBBLICI. Non minchiate prese a caso da siti fogna. Se ti degnerai di leggere QUESTO ARTICOLO ci troverai tutte le FONTI ATTENDIBILI, prese da siti ufficiali come quelli dello STATO, dell'UNIONE EUROPEA e della BCE.
      Cos'è? hai PAURA ad informarti sul serio?

      Elimina
    2. Giusto per dimostrarmi di averlo letto, dimmi quanto ha versato bankitalia di imposte e di utili allo Stato nel 2009 e quanto ha versato invece ai privati. Poi continuiamo a parlare. Se non ti informi, se non sai nulla, non hai nulla di cui parlare.

      Elimina
  7. ma infatti quello che è scritto è giusto, ma di fatto,

    la banca centrale è l'unica che può stampare banconote, spendendo 0,30€ per stampare 1000,00€, che quando andrà a prestarli ad uno stato o ad un privato tramite le banche nazionali gli ritorneranno indietro 1000,00€ più gli interessi, e solo questi ultimi saranno in parte dati allo stato sottoforma di tasse giustamente (mi sembra 1/3 dell'interesse).

    sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo, ti sbagli ancora.
      1) La banca centrale non presta a privati tramite le banche nazionali, ma "presta" SOLO alle banche private. Non presta agli Stati, per legge.
      2) Quando le banche private le restituiscono il denaro, quello PERDE il valore legale (non è più moneta emessa, questa è LEGGE), le rimangono solo gli interessi
      3) Dagli interessi paga le spese (affitti, stipendi, etc.) e fa gli accantonamenti per riserve tecniche ed il resto lo gira agli STATI tramite le banche centrali nazionali.
      4) NON li versa "parzialmente (1/3) ma TOTALMENTE (100/100). Leggiti il bilancio della BCE e di bankitalia per rendertene conto.

      Elimina
  8. ti elenco alcuni economisti che pensano che questo sistema economico attuale può formare solo debito:


    Randall Wray, Stephanie Kelton, Bill Mitchell, Alain Parguez, Warren Mosler, Olivier Giovannoni, Joseph Halevi


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possono pensare tutte le stupidate del mondo, io mi attengo AI FATTI ED ALLE LEGGI. Quel branco di calzolai possono incantare i poveri ingenuotti ignoranti, ma non le persone con i piedi per terra e che si informano seriamente.

      Elimina
  9. si ma infatti quando ritornano alla BCE non sono più "soldi reali" ( che ce fanno con un montino di carta se la mangiano?????) però di fatto questo sistema indebita i governi in continuazione!! è questo quello che Grillo e gli economisti che ti ho elencato volgiono far capire!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO questo non indebita nessuno, gli interessi tornano ALLO STATO. Basta leggere i bilanci per vedere quanti miliardi ogni anno Bankitalia versa allo STATO. I debiti dello Stato nascono per le sue spese e per gli interessi sui titoli, NON perché la banca centrale emette o assorbe moneta. Il signoraggio E' UNA ENTRATA per lo Stato non una uscita.
      Questi sono FATTI. Lo Stato ha delle ENTRATE (le tasse) e delle spese (PENSIONI, STIPENDI ETC.) se le spese superano le entrate, deve indebitarsi. La banca centrale non c'entra nulla.

      Elimina
    2. MA SEI TARDO??????? La banca quando "presta" (per prestare vuol dire che la moneta è magicamente di sua proprietà) allo stato 100€ li rivuole tutti e 100€ indietro + gli INTERESSI, quindi allo stato rientrano, come hai detto tu, solo quella parte di interessi e fin qui non ci sono dubbi, però ha sempre quei 100,00€ di debito che deve restituire alla BCE che poteva essere evitato se la moneta venisse immessa dallo stato a costo di stampa e della carta e non del valore nominale della moneta stessa.

      Non fila il discorso???

      Elimina
    3. No guarda, sei tu che NON CONOSCI.
      La banca centrale NON PUO' prestare allo Stato neanche un euro. Lo Statuto glielo vieta.
      Trattato di Maastrticht

      1. È vietata la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra forma di facilitazione creditizia, da parte della BCE o da parte delle Banche centrali degli Stati membri (in appresso denominate “Banche centrali nazionali”), a istituzioni o organi della Comunità, alle amministrazioni statali, agli enti regionali, locali o altri enti pubblici, ad altri organismi di diritto pubblico o a imprese pubbliche degli Stati membri, così come l'acquisto diretto presso di essi di titoli di debito da parte della BCE o delle Banche centrali nazionali.


      STATUTO DELLA BCE
      21.1. Conformemente all'articolo 104 del trattato è
      vietata la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra forma di facilitazione creditizia da parte della BCE o da parte delle banche centrali nazionali, a istituzioni, organi o organismi dell'Unione, alle amministrazioni statali, agli enti regionali, locali o altri enti pubblici, ad altri organismi di settore pubblico o ad imprese pubbliche degli Stati membri, così come l' acquisto diretto presso di essi di titoli di debito da parte della BCE o delle banche centrali nazionali

      Quindi è assolutamente falso che lo Stato si indebita con bankitalia o con la BCE. Quando lo Stato spende più di quanto incassa, emette titoli di debito, collocandoli sul mercato e alle banche centrali è fatto espresso divieto di partecipare a tali aste.
      Questo dice la legge, non lo dico io.


      però ha sempre quei 100,00€ di debito che deve restituire alla BCE
      Quel debito NON NASCE verso la BCE ma VERSO I PROPRI DIPENDENTI PUBBLICI. O pensi che lo Stato emetta titoli di Stato (BOT, CCT, etc.) per fare un piacere alle banche o a chissa chi?
      HA BISOGNO DI QUEI SOLDI perché ha speso più di quanto ha incassato con le TASSE.
      Come evitarlo? SPENDERE MENO.

      che poteva essere evitato se la moneta venisse immessa dallo stato a costo di stampa e della carta e non del valore nominale della moneta stessa.
      Creando solo iperinflazione emettendo moneta inassorbibile.
      La banca centrale fa politica monetaria: assicura che non ci sia troppa inflazione. Il resto spetta allo Stato: fare politica fiscale ed economica (le cose davvero importanti).
      Quindi dipende solo dallo Stato spendere quanto si può permettere e non di più, creando solo debito. Nessuno può arricchirsi stampando dei pezzi di carta, neanche lo Stato.
      Il tuo discorso quindi non fila per niente, è molto sciocco. Se fosse facile fare andare bene l'economia allora anche un qualsiasi Stato del terzo mondo potrebbe stampare soldi arricchendo tutti i propri cittadini. Invece se lo fa crea solo povertà, miseria ed inflazione. Proprio perché NON FUNZIONA e NON PUO' FUNZIONARE come dici tu. Solo il lavoro crea ricchezza, non la cartaccia.


      Elimina
  10. hai un contatto skype o msn così possiamo confrontarci meglio? Quello che tu dici è giustissimo è il funzionamento attuale, il problema è che non funziona perchè rende ricchi una piccola parte della società mentre la maggioranza muore di fame, non può funzionare in un mondo dalle risorse finite, non so se mi spiego

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi visitare la pagina di facebook. Guarda, lo so che ti hanno fatto credere che tutti i problemi del mondo derivino dalla banca centrale, ma ti hanno ingannato.

      Elimina
  11. non è che mi hanno fatto credere è quello che penso guardando come va l'economia mondiale, altrimenti spiegami tu perchè l'economia mondiale non funziona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che ti posso riassumere l'economia mondiale in due righe. Ma l'emissione della banca centrale non c'entra nulla. Ti ho già dato le prove (presenti negli articoli che ti ho linkato) di quello che affermo. Non posso copiare e incollare qui tonnellate di roba che ho già pubblicato in bell'ordine altrove. Non avrebbe senso.

      Elimina
  12. allora mi sembra che quello di coccio sei tu.

    io faccio soltanto una considerazione sul debito: ciascuno di noi ha circa 35000€ procapite, questo perchè la moneta non essendo emessa dallo stato la paga per il suo valore nominale, per esempio di 100,00€ (e quindi lo stato si crea un debito di 100,00€), se invece lo stato emettesse la moneta il debito per immettere 100€ non sarebbe 100€ come con l'attuale finanza ma solo di 0,30€ (costo della carta e della stampa).

    Quindi facendo le dovute proporzioni ognuono di noi avrebbe all'incirca 105,00€ di debito anzichè 35000€

    E questo senza aver letto tonnellato di roba che tu hai pubblicato

    Adesso mi domando chi abbia inventato questo geniale sistema finanziario, e ancor peggio come fa gente come te a condividerlo come un pesce a bocca aperta ????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciascuno di noi ha circa 35000€ procapite, questo perchè la moneta non essendo emessa dallo stato la paga per il suo valore nominale
      SBAGLIATO:
      questo perché lo Stato ha speso più di quanto abbia incassato, indebitandosi NON con la banca centrale (che è sua) ma con chi gli ha comprato i titoli (tutti i detentori di BOT, CCT,BTP..)

      se invece lo stato emettesse la moneta il debito per immettere 100€ non sarebbe 100€ come con l'attuale finanza ma solo di 0,30
      E quella moneta non varrebbe nulla e nessuno l'accetterebbe, sarebbe carta straccia. Davvero demenziale.

      E questo senza aver letto tonnellato di roba che tu hai pubblicato
      E questo perché sei ignorante e vuoi rimanere ignorante con le tue idee cretine da quattro soldi.

      Adesso mi domando chi abbia inventato questo geniale sistema finanziario,
      Questo non c'entra nulla col "sistema finanziario", se spendi più soldi di quanti ne guadagni, ti indebiti. E dato che nessuno regala nulla, devi ripagare chi ti presta i soldi. Ma in questo la banca centrale non c'entra nulla.
      Dici delle minchiate inaudite e pensi di essere brillante, complimenti davvero. Credi anche al paese dei balocchi?

      Elimina
    2. ti ricordo inoltre inoltre prima leggiti la definizione di moneta, che a forza di leggere le tonnellate di notizie che hai pubblicato, che hai completamente ignorato ed è la seguente:

      Come scrive il premio Nobel Samuelson:
      « la moneta, in quanto moneta e non in quanto merce, è voluta non per il suo valore intrinseco, ma per le cose che consente di acquistare. »
      (Samuelson, Economia, Zanichelli, 1983, pag. 255)

      sicuramente dirai che anche Samuelson è ignorante, giustamente, dopo aver letto questa definizione riprova


      "E quella moneta non varrebbe nulla e nessuno l'accetterebbe, sarebbe carta straccia. Davvero demenziale." (tuo commento precedente)

      allora spiegami che differenza c'è tra 100€ emessi dallo eventualmente dallo stato a costo per lo stato 0,30€ e 100€ emessi dalla BCE a costo 100€ per lo stato ????

      ti rispondo io 99,70€ di debito in più semplice
      sbaglio?


      Elimina
    3. Sqmuelson non parla di stampare cartaccia per comprare beni o servizi. Proprio perchè la moneta non prende il valore "perchè c'è scritto" non è possibile stamparne per pagare gli stipendi. Vanno presi i soldi delle tasse, che a propria volta sono i compensi per il lavoro svolto dai cittadini (una parte di essi). Invece tu ed altri che per creare ricchezza basti scrivere dei numeri su dei pezzi di carta. Davvero idiota come idea! Se fosse così un qualsiasi Stato del terzo mondo potrebbe diventare ricchissimo semplicemente stampando cartaccia. Ed invece sarebbe solo cartaccia. E ti ricordo che la banca centrale è un organo che fa capo allo Stato, non un ente privato. Agisce in base agli obiettivi che lo Stato ha fissato nel suo Statuto, ed allo Stato gira tutti i suoi utili. Questi sono fatti, non ipotesi od opinioni.

      Elimina
    4. Cristian è inutile che continui a postare immondizia. Sin quando non capirai che stampare carta non produce ricchezza, non lo ha mai fatto e mai lo farà, sei completamente fuoristrada. Se pensi che basti stampare carta per rendere più ricco qualcuno senza che nessun altro sia più povero, è come se credi al paese dei balocchi. Posti continuamente le stesse sciocchezze, ignorando le mie repliche. Ho di meglio da fare che starti dietro. Ciao.

      Elimina
    5. Ecco è questo che volevo sentire, il problema è proprio questo, l'attuale sistema rende ricchi solo una piccola parte della popolazione mentre la maggior parte muore di fame, se ti informi scoprirari che solo 1% della popolazione possiede il 40% della ricchezza, e questo grazie a questo sistema messo in atto dalle banche e permesso dai governi.

      Come puoi vedere in questo link ti renderai conto che è la BCE a dare le direttive ai governi,

      http://www.corriere.it/economia/11_settembre_29/trichet_draghi_italiano_405e2be2-ea59-11e0-ae06-4da866778017.shtml?fr=correlati

      Io voglio dire soltanto che questo sistema attuale alla luce dei fatti crea disagi nella maggior parte della popolazione, e questo per far si a chi ci governa di navigare nella ricchezza.

      In questo sistema ci sarà sempre "la ruota debole del carro" (quindi è un sistema egoistico e azzarderei criminale nei confronti della maggior parte della popolazione), mentre con il sistema che cercavo di spiegarti io la ricchezza verrebbe distribuita in modo unniforme, ovviamente non ci sarebbero più le persone che navigano nell'oro anche perchè è ingiusto!

      leggiti questo sistema sul "valore indotto" spiegato su wikipedia e non dire "non funzionerà mai" o "sono tutte cose ridicole" perchè in molti parti del mondo con un sistema del genere hanno risollevato il paese dalla crisi che li stava letteralmente mangiando vivi.

      http://it.wikipedia.org/wiki/SIMEC

      Elimina
    6. La BCE essendo un organo dell'UE, da Statuto "collabora lealmente con gli altri organi" e nella fattispecie non ha "dato direttive", la qual cosa le è vietata da Statuto, ma semplicemente dato dei consigli.
      E se qualcuno muore di fame nel mondo NON E' perché la banca centrale non gli da uno stipendio fisso senza che abbia bisogno di lavorare, ma solo perché non ha un lavoro - punto - e morirebbe di fame anche in un mondo senza banche.
      La banca centrale è un organo alle dipendenze dello Stato, nella misura in cui è da esso istituita.
      La ruota più debole del carro con l'emissione di moneta non c'entra nulla. Chi è ricco non è ricco perché le banche centrali emettono denaro. E' ricco per eredità o perché ha guadagnato molto, non di certo per il signoraggio dell'emissione della moneta, che va ALLO STATO.
      Auriti era solo un povero fascista ignorante e meno male che è arrivata la finanza altrimenti ci avrebbero lasciato tutti le penne. A proposito, a denunciare la truffa del SIMEC (che erano francobolli senza valore) sono stati i commercianti di Guardiagrele, mica le banche. Strano ti sia sfuggito questo.
      Il SIMEC era solo un sistema PONZI, un classico schema di truffa piramidale. Bella roba proponi per "risollevare l'economia". Come in Grecia che hanno falsificato i bilanci dello Stato. Insomma le solite truffe dei saltimbanchi venditori di fumo che mettono in circolazione le bufale sul signoraggio.
      Non postare più quella robaccia su questa pagina.

      Elimina
  13. ragioniamo in modo semplificato:

    l'unico modo per emettere moneta è tramite la stampa e l'emissione da parte della Banca Centrale a seguito di una richiesta di denaro da parte dello stato.

    Quindi la PRIMA volta (si intende alcuni secoli fa quando è stata stampata per la prima volta la moneta) che lo STATO si è rivolto alla Banca per chiedere il prestito di 100€ ha emesso un titolo di stato di 100€ (che sarebbe una promessa di restituire alla banca quella cifra con un interesse x) che ha dato alla banca, la quale ha stampato questi 100€ richiesti dallo stato e glieli ha dati.

    quindi la situazione dopo questo movimento è la seguente:

    lo stato possiede 100€ in banconote ed è debitore di questi 100€ + interessi

    la banca ha un credito di 100€ + interessi da riscuotere dallo stato

    mi sembra che fin qui non ci sono dubbi giusto?

    quindi lo stato, arrivati alla scadenza del titolo, dovra restituire i 100€ più gli interessi

    è qui che si capisce che questo sistema bancario non funziona e crea ricchezza per pochi e fame per tanti.

    se ci pensi tutti i soldi che girano in italia e in europa sono tutti stampati dalla BCE che li rivuole indietro, ma se lo stato e i privati pagassero tutti i debiti non rimarrebbe neanche un euro in circolazione ritornerebbero tutti alla BCE, ti dirò di + mancano gli interessi perchè non li ha mai stampati !!!

    questo è un semplice ragionamento che ti porta a capire che con questo sistema bancario l'indebitamento è ovvio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è l'ultimo commento a cui rispondo, perché è frustrante spiegare gli argomenti ad uno che pur non sapendo niente (avendo attinto a fonti errate) pensa di saperne tanto.

      l'unico modo per emettere moneta è tramite la stampa e l'emissione da parte della Banca Centrale a seguito di una richiesta di denaro da parte dello stato
      ERRATOLa banca centrale NON presta soldi allo Stato, ti ho anche citato gli articoli di legge che glielo vietano. Lo Stato emette titoli e li mette all'ASTA, sono i BTP, BOT, CCT, etc. che comprano tanti risparmiatori ed investitori di ogni genere, italiani e stranieri. Secondo errore, sempre nella stessa frase, è nel considerare la banca centrale un organo estraneo allo Stato. La banca centrale opera in nome e per conto dello Stato, non decide da sola cosa fare. E allo Stato versa i suoi utili (TUTTI)

      Quindi la PRIMA volta (si intende alcuni secoli fa quando è stata stampata per la prima volta la moneta) che lo STATO si è rivolto alla Banca per chiedere il prestito di 100€ ha emesso un titolo di stato di 100€
      Non è mai esistita una situazione del genere. Mai si è partiti da un giorno all'altro da zero, non inventare sciocchezze.


      lo stato possiede 100€ in banconote ed è debitore di questi 100€ + interessi
      E in circolazione ci sono milioni di euro, perché la banca centrale emette moneta NON prestando soldi allo Stato ma rifinanziando le banche private. Ossia il grosso del denaro che emette lo presta alle banche private ed il ricavato lo gira allo Stato.

      quindi lo stato, arrivati alla scadenza del titolo, dovra restituire i 100€ più gli interessi
      Interessi che saranno girati allo Stato

      è qui che si capisce che questo sistema bancario non funziona e crea ricchezza per pochi e fame per tanti.
      E qui che si capisce che tu non hai capito nulla di nulla e non hai capito che
      1) la semplice emissione di denaro NON PUO' generare ricchezza
      2) non è l'emissione che crea fame o ricchezza ma il LAVORO o l'assenza di LAVORO, che dipendono da tantissimi fattori

      se ci pensi tutti i soldi che girano in italia e in europa sono tutti stampati dalla BCE che li rivuole indietro,
      La BCE è un organo dell'Unione Europea non "rivuole indietro" i TUOI soldi, ognuno dei propri soldi (che sono propri e di nessun altro) fa cio che vuole. La BCE si occupa di gestire la politica monetaria secondo gli obiettivi impartitegli dagli Stati fondatori. Ne più né meno. E ad essi gira TUTTI gli utili.

      ma se lo stato e i privati pagassero tutti i debiti non rimarrebbe neanche un euro in circolazione ritornerebbero tutti alla BCE
      La BCE man mano che i titoli che possiede scadono, ne compra altri, non ha alcun interesse (non è tra i suoi obiettivi) ritirare tutto il denaro in circolazione. Anzi, per esempio, al momento ne ha emesso tantissimo per rifinanziare le banche in crisi di liquidità (migliaia di miliardi)

      ti dirò di + mancano gli interessi perchè non li ha mai stampati !!!
      Solite sciocchezze, gli interessi non vanno "stampati" perché NON SONO TOLTI DALLA CIRCOLAZIONE quando i titoli scadono, sono girati allo STATO

      questo è un semplice ragionamento che ti porta a capire che con questo sistema bancario l'indebitamento è ovvio!
      Questo ragionamento fa trasparire solo la tua enorme ignoranza ed incapacità di comprendere il meccanismo di emissione della moneta. E quanto sei stato male informato dai siti fogna
      E con questo, ti saluto e ti invito ad informarti da fonti attendibili, ti hanno fatto il lavaggio del cervello ed imbottito di nozioni completamente errate e campate in aria.


      Elimina
  14. "guardati questo video e pubblicalo, visto che parecchi commenti non li hai pubblicati, questo perchè è molto strano.... eppure è un blog e come tale dovresti accettare anche altri punti di vista."
    Guarda cosa sia la BCE l'ho già spiegato con tanto di documentazione ufficiale in questa pagina.
    Non mi postare altra spazzatura grazie. Le opinioni stanno a zero. Contano le leggi, gli Statuti, i bilanci, le sentenze di corte di Cassazione. Io mi attengo a quelli. Tu continua pure a studiare su youtube e siti fogna.

    RispondiElimina

Ogni intervento, opinione, critica o consiglio è BEN accetto, purché sia fatto con rispetto ed educazione. Sotto tali premesse sarete contraccambiati . In caso contrario i commenti saranno cancellati all'istante.
Non è ammesso lo SPAM a siti fogna. Le citazioni devono essere inquadrate in un contesto, spiegate e argomentate. La sola citazione non è di alcun interesse per questa pagina. Se non sei in grado di dimostrare un'affermazione non presentarla come veritá. Non è importante chi dice qualcosa ma come lo argomenta.