giovedì 18 marzo 2010

Spulciando sul blog di Beppe Grillo..

Incuriosito da alcuni movimenti NO-EURO che circolano, tra cui uno di nome "Lista del Grillo", ho voluto approfondirne un minimo la conoscenza.





Sul sito http://www.signoraggio.it/ c'è un bello stemma "lista del GRILLO" con "del" minuscolo, quasi invisibile, e "GRILLO" bello grosso e in evidenza.
Ma chi è questo grillo? forse Beppe Grillo?
Cerco su wikipedia e trovo che esiste http://it.wikipedia.org/wiki/No_Euro">una voce "No Euro",
"movimento politico italiano fondato a Torino il 28 ottobre 2003 da un gruppo di persone convinte che, a distanza di due anni dalla sua introduzione, la moneta unica europea non avesse prodotto effetti benefici per l'economia e per le famiglie italiane."

proseguendo, leggo la ingegnosa, e a mio parere, immorale, strategia elettorale di questo movimento nel 2008:
...
La lotta per ottenere voti e consensi da parte degli elettori confrontandosi con altri partiti più grossi è però molto difficile, così il candidato premier della lista, Renzo Rabellino, decide di mettere in moto l'operazione Alias.

Cosa sarà mai questa operazione Alias ?
Subito mi sorge il dubbio che ci sia qualcosa di losco

...
Essa consiste nel candidare nelle varie regioni degli omonimi di personaggi politici, per risultare in questo modo più visibili, inducendo alla confusione eventuali votanti; così facendo essi hanno inserito in quasi tutte le circoscrizioni elettorali per il senato l'imprenditore piemontese Giuseppe Grillo, seguito a ruota da Pericle Barlusconi (leader dei Pensionati e Invalidi). Lo stesso simbolo prima dell'intervento del Viminale rientrava nell'operazione, esso infatti aveva scritto la parola "grillo" anziché "grilli" molto più in grande rispetto alla parola "parlante", facendo pensare alla partecipazione del comico genovese nella lista, ma lo stesso comico genovese precisa e ribadisce sul suo blog il 31 marzo 2008:[1]
In sostanza hanno candidato, in ogni regione, omonimi di personaggi politici per indurre alla confusione eventuali votanti.
Incredibile..

E nelle note della pagina di wiki, c'è anche un link ad un comunicato di Beppe Grillo, che, cito
Beppe Grillo sarà in tribunale per chiedere il ritiro di urgenza di: NO EURO – LISTA DEL GRILLO. L’udienza si terrà al Tribunale di Roma il 4 aprile, ore 11.30. Treviso-Roma-Vicenza-Pozzuoli-Pescara-Fiumicino-Massa-Pisa-Viterbo-Nettuno-Tivoli-Villafranca di Verona-Ischia-Bitonto-Formia-Campi Bisenzio-Cepagatti sono le liste civiche che si ispirano al blog.

Quindi in sostanza Beppe Grillo è un acerrimo nemico di queste liste "del GRILLO".
Eppure.. continuano a tenere "Grillo" in bell'evidenza, tra l'altro nella pagina in questione non c'è alcun accenno al motivo per la scelta di questo nome, e tanto meno chi sia questo Giuseppe Grillo che da il nome alla lista..

2 commenti:

  1. ah ah ah non sai piu' dove andare a parare, 60 visite al gg di cui almeno 30 sono dell'admin

    e volete sbufalare il signoraggio? un edicolante farebbe di meglio

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto le mie visite non vengono conteggiate, ho impostato il cookie.
    Poi non è il numero di visite che conta, ma la qualità di quello che si posta.
    60 visite al giorno senza mettere donne svestite, su una pagina che tratta un argomento molto tecnico e sconosciuto ai pochi, e senza aver speso neanche una lira nell'acquisto di domini per uno che tratta il signoraggio nel tempo libero è un buon risultato.
    Sono 22 mila persone che sanno che il signoraggio è una bufala oppure hanno un punto di riferimento per dipanare dubbi che possono sorgere quando si leggono articoli che fanno disinformazione su siti-fogna.

    RispondiElimina

Ogni intervento, opinione, critica o consiglio è BEN accetto, purché sia fatto con rispetto ed educazione. Sotto tali premesse sarete contraccambiati . In caso contrario i commenti saranno cancellati all'istante.
Non è ammesso lo SPAM a siti fogna. Le citazioni devono essere inquadrate in un contesto, spiegate e argomentate. La sola citazione non è di alcun interesse per questa pagina. Se non sei in grado di dimostrare un'affermazione non presentarla come veritá. Non è importante chi dice qualcosa ma come lo argomenta.